Lettera ad un melo. Parte 3. Finale.

Tutti passano. Tutti.
Tutti se ne vanno e ti lasciano il vuoto.
Ti mollano nella disperazione e ti dicono che non c’è un modo felice per vivere, bisogna pensare a se stessi sempre e comunque.

..tuttavia.
Io rimango qui. Perchè io non me ne vado.
Perchè nessuno ti porterà più una rosa, e colui che lo farà sarò sempre io.10565039_10204856456716781_7791946596495565007_n
Perchè nessuno organizza giornate per te.
Perchè nessuno accetta il semplice fatto che una volta morti non ci ricorderemo nulla, e che quindi l’unico obiettivo è quello di essere felici.
Perchè quando ti alzi dal letto, e ti senti vuota, io sono sempre lì, che ti aspetto.
Perchè nessuno scrive per te.
Perchè la terza porta è un finale, ma io un nuovo libro lo voglio scrivere con te.
Perchè nessuno accetta i tuoi inferni. Io sì.
Perchè io accetto tutto il male che mi fai. E non mi importa nulla.
Perchè nel giorno che vorrei tu risvegliassi dalle macerie delle tue emozioni, tu faccia esattamente ciò che dici: non vuoi pensare, vuoi godere e basta.
Perchè alla fine di quel giorno, quel vuoto che senti sempre quando accendi il cellulare, non ci sarà più.

Perchè la speranza non va uccisa, va abbracciata.

Mi sono accorto che il modo in cui ci abbracciavamo a letto è identico a quello di John Lennon e Yoko Ono.

FINE

..sperando che non sia una fine.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s